Scopriamo insieme passo a passo come marinare l’agnello

Concedimi qualche informazione utile e qualche curiosità prima di scoprire come marinare l’agnello. E’ bene sapere che in generale la marinatura delle carni è una tecnica antica. Quando non esistevano i frigoriferi era fondamentale perché consentiva di aumentare i tempi di conservazione della carne.

Ingredienti come aceto, vino, limone e sale avevano proprio la funzione di conservanti. Gli aromi poi venivano utilizzati per coprire il gusto delle carni non più fresche.

Oggi non abbiamo più bisogno perché abbiamo congelatori e frigoriferi. E’ comunque una buona tecnica per insaporire la carne, renderla più tenera e togliere il sapore di selvatico.

Tipicamente una corretta marinatura è fatta con tre categorie di ingredienti:

  1. Grassi: olio extravergine di oliva
  2. Acidi: vino, aceto, limone, yogurt, birra etc.
  3. Aromi: spezie varie

I tempi di marinatura  dipendono dal tipo di carne. In questo articolo vediamo come marinare l’agnello.

Per le dosi si va anche un po’ a occhio ma proviamo a dare un’indicazione di massima per circa 1,5 kg di Agnello

  • 2 bicchieri di vino bianco secco
  • 1/2 bicchiere di olio extra vergine di oliva
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi d’aglio
  • 5 bacche di ginepro
  • q.b. timo (circa 2 rametti)
  • 5 grani di Pepe nero
  • q.b. rosmarino (circa 3 rametti)
  • 2 foglie di alloro
  • q.b. di salvia (circa 10 foglie)
  • a piacere potete aggiungere altre spezie come la menta, il mirto, il dragoncello, etc.

Procedimento:

  1. La preparazione inizia la sera precedente. Lava bene i pezzi di agnello con acqua e aceto, asciugali bene con carta assorbente e mettili in un contenitore abbastanza grande per contenerli tutti.
  2. Prepara la marinatura, aggiungi alla carne gli aromi: rosmarino, timo, salvia, alloro, le bacche di ginepro schiacciate e i granelli di pepe anch’essi schiacciati.
  3. Aggiungi la cipolla tagliata a fettine sottili e gli spicchi d’aglio schiacciati. Versa l’olio extra vergine di oliva e  il vino bianco.
  4. Copri bene il contenitore con la pellicola da cucina e metti in frigorifero per tutta la notte a marinare.
  5. Il giorno seguente togli la carne di agnello dalla marinatura e asciugala bene con la carta assorbente.
  6. Conserva il liquido della marinatura, ti servirà per la cottura in base al tipo di ricetta che dovrai realizzare.
  7. In questo caso, se non vuoi sentire nel piatto i pezzi interi di aromi filtra la marinatura, metti gli aromi in un frullatore e con un pochino di liquido frulla bene fino a sminuzzare il tutto. Rimetti quanto ottenuto nel liquido della marinatura e mescola.

Spero di aver risposto ai tuoi dubbi su come marinare l’agnello. Ora puoi iniziare a cucinare, se ti va di curiosare qui trovi una ricetta di tradizione famigliare… e sono sempre le migliori!

Se ti interessa approfondire tecniche e ricette legate alla cucina della carne sappi che si trovano decine di libri interessanti come ad esempio questa selezione.